Scuole davvero per chiunque.

coderdojogirlSappiamo tutti che la disabilità è una condizione a cui diverse persone devono sottostare. Vuoi per un incidente, vuoi per problemi sorti negli anni, vuoi per disturbi dalla nascita. Purtroppo la disabilità porta inevitabilmente ad una capacità ridotta (in diverse percentuali) di interazione con l’ambiente circostante rispetto a quella che viene considerata la normalità. Dunque i disabili non sono completamente autonomi nello svolgere le attività di ogni giorno e mal volentieri si ritrovano ad avere svantaggi nella partecipazione alla vita sociale.

Proprio per ovviare a questo problema, diverse sono le associazioni che aiutano le persone disabili a sentirsi meno diverse da tutte le altre. Oltre alle associazioni, negli ultimi tempi si sta portando avanti fieramente l’idea che anche chi ha problemi motori può partecipare ad attività sportive. Appunto per questo, molte scuole nel mondo si sono adattate e hanno palestre in cui i disabili possono svolgere, per quanto possibile, una normale attività fisica.

Una lista approfondita di queste scuole la si può trovare online. Ci sono infatti maestri di educazione fisica che si adattano a qualunque tipo di esigenza. Si tratti di persone su carrozzine o con disabilità alla vista, all’udito e così via.

Ovviamente, con lo sport, si può reagire fisicamente – e soprattutto mentalmente – nei confronti dei limiti che purtroppo sono stati imposti a coloro che soffrono delle più disparate patologie.

Si sa che le barriere architettoniche non sono soltanto fisiche, ma spesso e volentieri anche mentali. Ed è appunto per questo che molte attività vengono svolte presso istituti scolastici, sperando sempre che i bambini e/o ragazzi disabili non si sentano comunque soli e messi da parte dai loro stessi coetanei.

È importante che soprattutto gli insegnanti facciano capire ai propri studenti che, per quanto i disabili siano limitati nei loro movimenti, anche loro sono esseri umani come tutti gli altri.